Ecosistemi interiori

residenziale ecopoetico

“Come sopra, così sotto, come dentro, così fuori, come l’Universo, così l’Anima.”

Ermete Trismegisto

In natura ogni elemento è in relazione con il tutto ,nulla accade per caso ed ogni elemento è strettamente collegato con l’altro, costituendo un sistema autosufficiente ed in equilibrio dinamico: in un bosco, ad esempio, la vita brulica e si manifesta attraverso moltissime forme, dalla piante che nutrono gli erbivori, agli insetti che impollinano i fiori fino al fango che ospita i microrganismi che rendono fertili il terreno. Questo insieme di elementi naturali intrecciati a forme di vita interconnesse (di cui anche noi siamo parte) si chiama ecosistema.

Se osserviamo la realtà dal punto di vista della filosofia ermetica che considera il microcosmo ed il macrocosmo come due entità di cui l’una è riproduzione in scala dell’altra e che per via della loro somiglianza formano un insieme indivisibile, possiamo affermare che anche l’uomo (microcosmo) è un ecosistema e che la sua natura fisica e psichica si proietterà spontaneamente ed inevitabilmente nel mondo che lo circonda (macrocosmo) e viceversa.

Ciò che preserva un ecosistema è l’equilibrio tra le tantissime forme di vita che lo popolano. Se infatti per le ragioni più disparate una specie animale o vegetale scompare o, al contrario, prende il sopravvento su tutte le altre, l’intero ecosistema rischia di compromettersi.
Lo stesso accade anche dentro di noi, dal punto di vista fisico, mentale ed emotivo.
Per riuscire a mantenere il nostro ecosistema interiore intatto, autosufficiente ed in equilibrio dinamico avremo bisogno, prima di ogni altra cosa, di conoscerlo profondamente ed in seconda battuta di rieducarci alla “relazione”, permettendo ad ogni parte di noi, dalla più piccola alla più grande, di comunicare con le altre e quindi con l’intero sistema.
Solo così avremo la possibilità di conoscere la nostra intima natura, mantenendo l’equilibrio necessario per poter vivere una vita piena ed appagante.

Le metafore ecosistemiche possono rappresentare una preziosa risorsa per aiutarci ad uscire dalla logica di una realtà separata, per riconoscere ed integrare parti consce ed inconsce della nostra personalità, promuovere la creatività, elaborare strategie evolutive, accogliere i processi di trasformazione e cambiamento, coltivare una prospettiva ecocentrica.

In questo tempo così accartocciato ed impoverito di senso sempre più teso alla distruzione delle risorse, dentro e fuori, tornare alle foreste e pensare a noi come ad un ecosistema, ci consente di ricucire i pezzi della nostra profonda natura interiore, restaurando il legame armonico con il tutto.

Il residenziale

Questo residenziale è un viaggio poetico orientato alla crescita personale e all’esplorazione profonda del sé. E’uno spazio di condivisione sensibile dove poter continuare ad illuminare, seminare bellezza, radicare il bene e coltivare il senso profondo delle interconnessioni.

Durante queste quattro giornate, ispirati dalle metafore ecosistemiche e dagli incanti silvestri, esploreremo la natura profonda che ci caratterizza, mappandola, definendone contorni, sfumature e funzioni.

Esploreremo la struttura e la natura dei nostri ecosistemi interiori attraverso immersioni sensoriali selvatiche, pratiche di alchimia del profondo, laboratori di teatro archetipale, teatro onirico, esperienze di biomimesi ed intelligenza somatica, laboratori creativi, ecoterapia poetica, meditazioni silvestri, laboratori di danza sensibile, pittura intuitiva e scrittura creativa, costellazioni ecosistemiche in foresta.

Il residenziale si svolgerà presso il Casale in Lunigiana, un luogo incantevole immerso nella natura incontaminata della Lunigiana.

Ti ricordo che chi si iscrive entro il 25/07/2022 potrà godere dell’offerta early bird!

Per iscriverti al residenziale ecosistemi interiori